Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Continuando a navigare si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.

India
 
manuscript"India, terra mistica, luogo di introspezione, dove vivono in armonia antiche tradizioni e progresso. Nella città di Tanjore, nel sud dello stato indiano del Tamil Nadu, l'antica biblioteca Mahal Saravasti custodisce il tesoro più ricercato e nello stesso tempo più temuto della terra: il nostro destino! E' tutto scritto su delle foglie di palma essiccate in una antichissima lingua, il Sanscrito, e sembra che racchiudano la vita passata, presente e futura di tutti coloro che sono destinati a giungere in quel luogo per conoscere cosa gli riserverà il futuro.Le foglie del destino non riguardano un solo popolo o una nazione, ma l'intera umanità. Si dice che chiunque sia destinato a conoscere il proprio destino, si troverà in quel luogo, in un momento preciso della sua vita, per conoscere cosa il futuro gli riserva e dopo aver trovato la propria foglia ne farà una vera e propria guida per la conoscenza di sé.
Il dono della lettura non è affidato a dei veggenti, ma a dei semplici lettori che sanno codificare i codici delle foglie.
La lettura avviene previo appuntamento e parte con una cerimonia di apertura dell'archivio, poi ai partecipanti vengono prese le impronte digitali del pollice della mano destra per gli uomini e della sinistra per le donne. Queste sono catalogate in 108 categorie, quindi la prima scrematura avviene in quel momento. Una volta trovato il gruppo di appartenenza, si inizia a cercare per esclusione la foglia giusta. Il lettore Naadi comincia a fare domande al soggetto, con unacantilena quasi ipnotica, sulla sua vita e questi deve risponde con un "si" o con un "no", fino a trovare la foglia che contiene tutte le informazione giuste del soggetto. Questa operazione è molto lunga e può durare anche un'intera giornata. Non appena trovata la foglia, inizia il viaggio meraviglioso all'interno della propria vita, per conoscerla, trasformarla e migliorarla!"

 

 
LAGO SALTON
 
lago salton"Il lago più grande della California, il lago Salton, è anche uno dei più inquietanti. Le bianchissime spiagge ad una vista più ravvicinata si fanno vedere per quello che sono: un deposito di milioni di ossa di pesci, per la maggior parte frammentate. Anche il blu dell’acqua è un’illusione: il colore è dato dal riflesso del cielo del deserto sull’acqua che in realtà tende al marrone. Il tutto accompagnato da un odore putrido. La stessa esistenza del lago è in realtà un incidente: il lago di oltre 900 chilometri quadrati infatti si è formato nel 1905, a seguito della rottura di un canale di irrigazione in seguito a forti piogge, con l’acqua che ha riempito così la vallata. Negli anni cinquanta e sessanta il lago è stato un’attrazione turistica di successo, con mezzo milione di visitatori ogni anno. Ma non avendo né emissario né immissario, essendo cioè sostanzialmente una grande pozzanghera, il lago non poteva avere una vita lunga.Con l’evaporazione dell’acqua nel corso degli anni, la salinità dell’acqua è aumentata nel tempo, e già nel 1970 era totalmente inadatta a qualunque forma di vita. I pesci hanno iniziato a morire e le loro ossa a creare questa deprimente spiaggia."
 

 

 
ISOLA DI JOAL-FADIOTH (Senegal)
 
Isola_JoaL_Fadiouth"Joal-Fadiouth  è un piccolo villaggio di pescatori che si trova all’estremità di Petite Côte, in Senegal. Il villaggio è diviso in  due parti: Joal è la parte di villaggio sulla costa, mentre  Fadiouth  è la parte sull’isola, collegata da un ponte di legno lungo 400 metri.Ma quello che rende unico il villgaggio di Fadiouth è che è completamente ricoperto, quando non costruito, di conchiglie. Gli abitanti le hanno raccolte per secoli, mangiando l’animale ed usando i gusci per costruire praticamente qualunque cosa.Tutta l’isola è oggi ricoperta di conchiglie, compreso il cimitero che è diventato una insolita meta turistica per il suo aspetto incredibile: tutto il paesaggio è ricoperto di conchiglie, da cui spuntano qualche albero e qualche lapide. Il cimitero ha anche un’altra particolarità: è l’unico cimitero in Senegal dove sono sepolti sia cristiani che musulmani"
 

 

THAILANDIA
 
Bangkok
 
"1. La Thailandia è 20 ° paese più popoloso del mondo, con quasi 67 milioni di persone.

2. È la città più visitata al mondo, secondo le valutazioni di Global Cities Index,

3. I più piccolo mammifero del mondo, un pipistrello che pesa appena due grammi, si trova in Thailandia.

4. Secondo il World Economic, la Thailandia è il Paese più amichevole del  mondo. L’Islanda è invece  il Paese più cordiale.

5. Uno dei festival più insoliti del paese è l’annuale scimmia buffet, che si tiene di fronte al tempio di Pra Prang Sam Yot, nella provincia di Lopburi. Più di 600 scimmie sono invitate a banchettare con oltre due tonnellate di salsicce alla griglia, frutta fresca, gelati e altre prelibatezze. La gente del posto vede questo spettacolo come un ringraziamento per le scimmie che abitano il paese e che portano migliaia di turisti ogni anno.

7. Un altro spettacolo curioso è l’annuale Festival Vegetariano di Phuket.

8. Il buddismo è la religione principale del paese ed è praticata da 95 per cento della popolazione.

9. La Thailandia ospita una delle più alte statue del mondoil Grande Buddha che si trova nel monastero Wat Muang in provincia di Ang Thong. L’ edificio più alto del paese è il Baiyoke Tower II a Bangkok – è all’ottantesimo posto tra gli edifici più alti del mondo e misura la bellezza di 304 metri.

10. La Thailandia ha vinto sette medaglie d’oro ai Giochi Olimpici – tre nel sollevamento pesi e quattro nel pugilato. Il Muay Thai boxe è lo sport nazionale. E ‘noto come “l’arte delle otto membra”, perché coinvolge pugni, calci, gomitate e ginocchiate.

11. La Thailandia è l’unico paese in sud-est asiatico che non è stato colonizzato dagli europei.

12. In Thailandia è assolutamente contro la legge di criticare la monarchia.

13. Il Punto più alto in  Thailandia è Doi Inthanon (2.565m slm) nella catena montuosa Thanon Thong Chai.

14. La Thailandia ha 1.430 isole, la più famosa delle quali è Koh Phi Phi Leh

15. La Thailandia è la destinazione più popolare al mondo per trascorrere l’ anno sabbatico.

16. La città di Kanchanburi ospita il famoso “Ponte sul fiume Kwai”.

17. Koh Phangan è un’isola della Thailandia ed è famosa per le sue feste della luna piena.

18. Bangkok una volta era attraversata da decine di canali o “khlongs”, e i  suoi edifici sorgevano su palafitte, per questo si era  guadagnata il soprannome di Venezia d’Oriente.""
 
 
 
LINEE DI NAZCA - Perù
 
manuscript"L'altopiano di Nazca, un arido deserto sito nel Perù meridionale, contiene una delle opere più incredibili mai realizzate dall'uomo.

La storia del mistero delle Linee di Nazca inizia nel 1927, quando un pilota dell'aviazione peruviana che stava sorvolando la regione vide delle linee sul terreno. Tali linee proseguivano per chilometri, formando veri e propri disegni sul deserto peruviano, tecnicamente chiamati geoglifi, che potevano essere visti solamente dal cielo.

Vi sono, sull'altopiano di Nazca, più di 13.000 linee, che a loro volta formano 800 e più disegni. Questi geoglifi rappresentano anche animali locali, tra cui una lucertola lunga più di 180 metri, un condor, un colibrì e un enorme ragno lungo 45 metri.

Nel 1939 Paul Kosok, un archeologo statunitense, avviò uno studio accurato sul sito e sui geoglifi. Grazie alla sua ricerca, le linee vennero divise in tre categorie: Diritte, a Spirale e Geometriche. In queste ultime rientrano anche le figure rappresentanti animali o persone.

In base alle ricerche effettuate, le linee sono state realizzate dalla civiltà Nazca, che ha avuto il massimo del suo sviluppo tra il 300 a.C e il 500 d.C. Purtroppo una datazione precisa non è possibile con gli attuali mezzi a disposizione, dato che i test con il Carbonio 14 si sono rivelati inadatti. Per questo motivo, la datazione è stata effettuata mediante la comparazione tra i disegni raffigurati sull'altopiano e le ceramiche ritrovate nelle rovine di Cahuachi, città cerimoniale dei Nazca, ritrovata ai margini della Pampa"